HOME PAGE BORSAMIA.COM

 

SOFTWARE

BMPOWER

MANUALE  BMPOWER

EQUITY LINE 2003 - 2004 SU MIBTEL DI BMPOWER

REPORT SU BMPOWER

ORDINE BMPOWER FREEWARE

 

 

 

 

 

 

AREA RISERVATA 

 STAC

PIVOT

 

 

VOLATILITA 

Quando si parla di volatilitÓ in analisi tecnica, non si fa riferimento a concetti astratti ma bensý a risultanti derivanti dall'analisi statistica dei sottostanti.

Il mio obbiettivo Ŕ quello di aiutare a comprendere la vola, per poterla gestire ed interpretare in quelle fasi di mercato critiche in cui pur non comprendendo dove andrÓ il sottostante si pu˛  prevedere cosa accadrÓ alla volatilitÓ implicita di un'opzione o Covered Warrant.

 

Io penso che si faccia confusione solo perchŔ non si Ŕ a conoscenza delle seguenti distinzioni:

1. VolatilitÓ Futura

2. VolatilitÓ storica

3. VolatilitÓ implicita

Le prime due sono misure statistiche sul sottostante, come ad esempio un indice, un'azione o una commodity, come  il greggio, il cacao, le arance ...

La vola implicita Ŕ invece riferita al prezzo di un'opzione e non al sottostante.

 

VOLATILITA FUTURA

Si riferisce al sottostante.

Descrive la futura distribuzione dei prezzi del sottostante, quindi non Ŕ difficile comprendere che sia l'incognita con cui ogni trader ha a che fare, mentre esegue la propria analisi.

 

VOLATILITA STORICA

Si riferisce al sottostante.

Si pu˛ analizzare la volatilitÓ storica per poter fare previsioni sulla volatilitÓ futura.

Rappresenta quindi la volatilitÓ passata di un certo sottostante.

SCEGLIERE IL TIME FRAME:  in futuro scriveremo su quali indicatori si possono utilizzare per fare analisi, ma Ŕ utile comprendere che se ho a che fare con un'opzione che scadrÓ tra un mese, il mio time frame per fare le analisi dovrÓ essere dell'ordine dei giorni e non di anni.

SCEGLIERE L'INTERVALLO DEI PREZZI: Si possono sceglire variazioni giornaliere, settimanali mensili di CHIUSURE  ... MASSIMI oppure MINIMI.

Quindi se desideriamo fare un'analisi sulla vola storica del mib30, potremo osservare, ad esempio i valori  dell'Average True Range o della standard deviation su base di oscillazione giornaliera delle CHIUSURE.

 

ESEMPIO: Nel grafico potete notare rappresentato il valore di Standard Deviation delle Chiusure del S&P MIB con media mobile a 5 periodi.

Questo Ŕ un ottimo strumento, ma non Ŕ l'unico che misura la volatilitÓ storica.

 

E' semplice comprendere che il valore di vola storica Ŕ basso, ma non ai valori minimi sulla serie storica, quindi anche se statisticamente ci si potrebbe attendere un aumento di VOLATILITA FUTURA, la migliore strategia sarebbe quella di creare un'ulteriore media sullo standard deviation e disegnare una trendline orizzontale  ed usarla come trigger(si veda la figura successiva.

ESEMPIO DI TRIGGER SU STANDARD DEVIATION: 

 

L'enorme distanza dal trigger e lo swing up al di sotto della trend line orizzontale, ci portano a prevedere un aumento di volatilitÓ futura.

VOLATILITA IMPLICITA

NON Si riferisce al sottostante, ma al prezzo di un'opzione, secondo dei modelli di calcolo (ad esempio Black & Sholes) che potete trovare sul web.

Se si opera con Covered Warrant, quasi tutti i market maker riportano il valori di vola implicita nei loro simulatori di prezzi.

Si tenga inoltre che Ŕ uno dei 5 fattori che influenzano il prezzo dei CW, che prendono il nome di GRECHE:

DELTA: per il sottostante

THETA: per il tempo restante all'esercizio

RHO: per i tassi di interesse 

PHI: per i dividendi

VEGA: per la volatilitÓ.

 

Nei simulatori, basta inserire il valore dell'opzione, e le altre 4 greche (che di solito sono giÓ inserite) e con enorme semplicitÓ si ottiene il valore di VEGA e quindi della vola implicita.